DETTAGLIO

COOPERAZIONE 2020-2030, INCONTRO CON I CONSIGLIERI DI REGIONE LOMBARDIA

COOPERAZIONE 2020-2030, INCONTRO CON I CONSIGLIERI DI REGIONE LOMBARDIA

Ad aprire i lavori il presidente del Consiglio Regionale Alessandro Fermi

Categorie: Primo PianoConfcooperative Lombardia

Tags: cooperazione,   Regione Lombardia

Le sfide, gli scenari, le azioni strategiche per dare una risposta ai cambiamenti della società che stiamo vivendo. Welfare, comunità, innovazione tecnologia, sharing economy, lavoro, casa, sostenibilità, agroalimentare, sviluppo imprenditoriale sono i temi cardini al centro del workshop "Cooperazione 2020-2030. Scenari strategici" promosso da Confcooperative e Legacoop Lombardia che ha visto la partecipazione il 10 settembre, nella sede di Confcooperative Lombardia, dei capigruppo e dei consiglieri di Regione Lombardia, assieme al presidente del Consiglio Regionale Alessandro Fermi intervenuto all'apertura dei lavori. Un incontro nato dalla volontà di "agevolare un momento di confronto tra i rappresentanti istituzionali del consiglio regionale e i dirigenti del movimento cooperativo per intavolare un metodo di lavoro concreto di costruzione di politiche condivise verso i cittadini e le nostre comunità" ha sottolineato il presidente di Confcooperative Lombardia Massimo Minelli, ricordando i numeri della cooperazione lombarda, con più di 4000 imprese aderenti, quasi 12 milioni di fatturato e 130 mila occupati.

“Il mondo della cooperazione ha un grande futuro – ha affermato il presidente Fermi -, sia per la sua storia che per i modelli di intervento che già oggi sa mettere in campo nel creare lavoro, fornire servizi, rispondere ai nuovi bisogni”. Fermi ha evidenziato come “in prospettiva un ambito sicuramente molto interessante è rappresentato dalle cooperative di comunità: nella nostra grande regione, caratterizzata dalla presenza di tanti piccoli Comuni, la creazione di cooperative di comunità potrebbe essere un punto di forza per offrire servizi in modo più efficiente e al tempo stesso rafforzare una rete sociale basata sul reciproco supporto”. Un altro ambito dove le cooperative possono e devono essere protagoniste, secondo Fermi, è la casa, con particolare riferimento allo strumento dell’housing sociale, oltre al turismo e all'agroalimentare. La Regione Lombardia “riconosce il ruolo della cooperazione come parte integrante del sistema imprenditoriale lombardo”, ha infine ricordato il presidente dell’assemblea lombarda, con una legge ad hoc “che sostiene il settore anche attraverso contributi finalizzati, come ad esempio quelli riguardanti la nascita di cooperative formate da under 35 o nate da aziende in crisi, di cooperative di comunità per i territori a rischio desertificazione e di cooperative gestite da una maggioranza di donne”.

Al termine dell’intervento del Presidente del Consiglio regionale lombardo, è seguita la relazione del professor Patrizio Ponti dell’Università degli Studi di Milano sul tema “Beni comuni, impatto sociale e sostenibilità verso agenda 2030” ed è stato presentato lo studio  “Cooperazione 2020-2030: scenari strategici” (in allegato nella sezione documenti da scaricare), contenente alcuni spunti e indirizzi sul ruolo della cooperazione nel prossimo decennio. Tra questi il tema delle città dei territori e filiere, focus approfondito da Nicoletta Piccirillo, presidente di Confcooperative Habitat Lombardia a cui sono seguite le proposte su welfare e inclusione, con la presidente di Confcooperative Federsolidarietà Lombardia Valeria Negrini. Infine l'intervento di Attilio D'Adda, vicepresidente di Legacoop Lombardia le battute finali su sviluppo, innovazione e lavoro. 

A fare il punto sui confronti aperti con Regione Lombardia, il presidente di Cooperfidi Italia Mauro Frangi, intervenuto sui fondi regionali per la cooperazione gestiti da Finlombarda, in particolare la Linea 7 "cooperazione" al momento sospesa. Altro tema l'aumento dell'Iva delle cooperative sociali che ha causato in 3 anni la perdita di 30 milioni di euro per le aziende, sul quale ha preso la parola Felice Romeo presidente di Legacoop Sociali Lombardia.  

Ultimi contributi, prima dell'intervento conclusivo del presidente di Legacoop Lombardia Luca Bernareggi, quelli dei capigruppo Roberto Anelli (Lega), Fabio Pizzul (Pd), Luca del Gobbo (Noi con l'Italia), Elisabetta Strada (Lombardi Civici Europeisti), i membri della consulta della cooperazione Claudia Carzeri (FI) e Raffaele Straniero (Pd) e i consiglieri Dario Violi (M5S), Giovanni Malanchini (Lega).

A partecipare all'incontro anche i consiglieri Alessandra Cappellari (Lega), Silvia Scurati (Lega), Roberto Mura (Lega),  Antonella Forattini (PD) e il direttore generale allo Sviluppo Economico Paolo Mora.

Documenti da scaricare

Altri link